domenica 26 settembre 2010

Le due facce del Grillo

Mi ha colpito, nel tempo, apprendere che molte persone non vedevano di buon occhio Beppe Grillo, anzi, lo accusavano dei più disparati doppi fini nel suo impegno sociale.

Reduce da una serie di successi con il suo Movimento a Cinque Stelle e dalla recente manifestazione di Cesena (Woodstock Cinque Stelle) "rischia di spazzare gli altri partiti politici..." come ha avuto modo di dire recentemente Santoro nella sua Annozero tra il serio e il faceto.

Certamente è portatore sano di una politica più alta, di programmi ed idee all'avanguardia. Lo stesso Popolo Viola in un certo senso deve riconoscergli la paternità. Il suo movimento dà l'impressione di essere anche troppo avanti nei tempi e per questo rischia di risultare poco compreso.

Troppo facile però inserirsi nel nulla assoluto dell'attuale corrotta politica italiana anche senza il favore dei media.


L'anomalia: da comico a...
Da comico a cittadino impegnato. Chiamare comico Beppe Grillo nel contesto sociale in cui opera è, secondo me, denigratorio. Comico lo è in un varietà televisivo (del passato) e all’interno di un teatro, dove le persone pagano per sentire, oltre alle sue idee, anche la battuta e lo sketch. La funzione di raccoglitore di denunce sociali nel suo lavoro, la notorietà, lo ha portato nel tempo ad essere un catalizzatore di queste tematiche e tra le persone meglio informate in Italia, proprio quando la sana informazione diveniva, da noi, merce rara. Il comico è pubblicamente divenuto altro, la persona ha raccolto il peso dell’impegno, ma è l'anomalia della nostra non-democrazia che ha reso Grillo membro attivo della “nuova resistenza”. Fonda il Movimento a Cinque Stelle. Grillo esercita la politica secondo una logica alla quale non siamo abituati: estranea al potere. L’essenza dell’operato di Grillo si può riassumere in un unico concetto: rendere i cittadini consapevoli di essere tali e in quanto consapevoli, anche responsabili. E’ politica nella sua essenza, quella che mette al centro le persone. Grillo è di fatto un politico in quanto appartenente alla Pòlis (Città – Stato) e quindi non lo è meno di quanto dovremmo esserlo tutti. La sua massima resa è quella del “grillo parlante”, diffusore soprattutto di una visione… a noi il compito di recepire.

Grillo e i media

Uomo libero, per Grillo destra o sinistra (presunti) non ce n’è per nessuno… PDL e PD sono i controllori dei maggiori media e instauratori dell’attuale regime… e questo dice tutto. Dalla cacciata RAI 1986 (editto bulgaro ad opera di Craxi) è in atto una campagna mediatica che tende a screditarlo. Buffoni che vogliono far passare per buffone chi di mestiere fa il comico (ironia della sorte). Questa è la strategia utilizzata nel nostro tempo per rendere inoffensivo un fastidioso personaggio pubblico (anni fa avrebbe risolto una bomba)… e per questo italiano medio è più che sufficiente. Rifugiato nella nicchia del web, Grillo ha creato uno dei blog più cliccati, attraverso il quale passa un fitto scambio di notizie altrimenti sotto silenzio. Interviste a personaggi e persone qualunque, visibilità a giornalisti del calibro di Travaglio (patrimonio giornalistico mondiale), gente portata in piazza (V-day), referendum contro leggi “porcata”, migliaia di persone sensibilizzate, creazione di liste civiche a cinque stelle, appoggio a De Magistris e Sonia Alfano alle europee… dimentico molto, ma direi che basta e avanza. Da www.beppegrillo.it ha saputo trarne il massimo utilizzando anche il linguaggio comico-teatrale perché ha capito che al “tele” italiano si arriva con una battuta e non con la noiosa serietà. Da lì diffonde il suo pensiero, esattamente come qualsiasi blogger, con i pregi e i difetti di ogni persona, perché lui, come ognuno di noi, non è portatore del Verbo.


Grillo e il confronto

Ogni blogger con un minimo di visibilità sa cosa siano gli attacchi gratuiti: Grillo ci ha messo la faccia, il contenitore a disposizione delle persone che possono ragionare sull’informazione e quanto proposto, ma il dialogo in un clima di contestazione mediaticamente “soffiata” diventa difficile, anche con i numerosissimi grillini stessi. Lui ha messo delle linee guida nella carta di Firenze dopo un confronto con i maggiori meetup: ad ogni lista civica, poi, il compito di seguire il canovaccio di un pensiero. La cosa migliore era quella di evitare inutili discussioni con chi non capisce (o fa finta) e vuole screditare. Per quanto riguarda il confronto in TV, preferisce esprimere il suo pensiero in collegamento esterno o in differita, senza contradditorio immediato, per il semplice motivo che, come sempre, in queste trasmissioni ci sono i soliti pupazzetti politici con i foglietti (che chi di dovere ha preparato) tracimanti idiozie che tendono a buttare in confusione il discorso. Il concetto è: io dico la mia, il pubblico ha l’opportunità di ascoltare, poi dopo replicate quanto volete, infangate, denigrate, ma senza di me… non c’è confronto con personaggi di tale squallore. E’ la stessa scelta di Santoro ad Annozero con Travaglio: avrei fatto lo stesso.


Grillo e il PD
Al solito non è stato capito dai più. E' stato esilarante osservare le persone spiazzate dalla sua candidatura alla segreteria del PD: "perché al PD e non all’IdV? Ma fa sul serio? Dove vuole arrivare? E’ come Berlusconi! (!!!) Screditare il PD danneggiando l’opposizione? Il solito buffone…" e chi più ne ha più ne metta. Ovviamente non aveva la minima intenzione di puntare alla carica, bensì voleva mostrare i limiti e il vero volto del PD, partito che finge di fare l’opposizione e la sinistra italiana, ma che con il PDL fa come il gatto con la volpe… e noi i burattini manovrati verso il bipolarismo stile P2 per un controllo totale del potere e delle poltrone. Scopo secondario era anche pubblicizzare il programma delle liste civiche a cinque stelle (parte del quale ripreso da Obama e condiviso da IdV). Si è messo in gioco, ha prestato il fianco alla critica, ma alla resa dei conti poi molti hanno capito: li ha messi in mutande. Lo ha fatto con un colpo di teatro che l’italiano recepisce. Grillo ha capito che l’unica speranza per il paese è togliere al PD il ruolo di opposizione, a vantaggio di chi l’opposizione la fa davvero. Per chi invece ancora non ha compreso… beh, c’è sempre il bipolarismo e il “grande” Partito Democratico... (auguri).

Cosa lo muove?
Cosa fa saltare il grillo? Secondo la “politica corrotta”, sono i soldi, anche reo di averne (senti da che pulpito!). La sua è tutta una manovra per incassare denaro utilizzando il populismo: esilarante dichiarato da personaggi che manovrano davvero le menti del popolo, rubano stipendi e prendono mazzette!
Beppe, hai una certa età, i soldi li hai fatti (con il sudore), per riempire le sale non ti servono mezzucci, non sei compreso: chi te lo fa fare? Perché metti in pericolo anche la tua incolumità e non ti pieghi al potere? “Il fatto è che poi vedi tuo figlio piccolo, ti guardi allo specchio e dici che non ti puoi tirare indietro, non puoi lasciargli questo paese, disattendere chi ha riposto in te una speranza”… ti credo, non mi basta sapere altro.
Non sorprende l’opinione dei media e di chi ne è ammaliato, sconcertante invece la posizione del collega Luttazzi, che stimo per intelligenza (meno in questa occasione). Luttazzi, ricevuto lo stesso trattamento mediatico del collega, giudica chi esercita satira incompatibile con l’attivismo politico, dimenticando che un comico è anche e soprattutto un cittadino. Accusa Grillo di populismo e demagogia adducendo motivazioni dal sapore qualunquista. Vinta una causa contro Berlusconi per auto difesa, di Luttazzi non si registrano iniziative significative al di là del palco. Ho troppa stima della persona per maliziare sul perché di tali parole… preferisco pensare ad un abbaglio e pagare il biglietto per un suo spettacolo.


Conclusioni

Questo post non muoverà le convinzioni di nessuno, ma ha dato l’opportunità di ascoltare un punto di vista su di un personaggio che divide. Per alcuni è un cialtrone, per altri un uomo da seguire… quasi fosse due persone distinte, due facce di una medaglia. Simpatico o antipatico che possa risultare, per me è solamente uno di “noi”. Curioso registrare quanto faccia parlare di sé e faccia paura una sola persona ai “poteri forti”, quasi quanto la piccola Cuba agli Stati Uniti.

Ringrazio Beppe Grillo per quanto ha fatto e sta facendo per il nostro paese. Comunque pronto, sia chiaro, a criticarlo duramente qualora dimostri di non muoversi per il bene comune. In qualunque modo la pensiate, nella speranza che sempre più persone tra voi aprano gli occhi, seguano l’esempio e si uniscano a remare tutti attivamente per un’Italia veramente libera e democratica… contrapponendo resistenza a questo regime che, spero lo avrete capito, non è solo Berlusconi.





sabato 25 settembre 2010

Sulla servitù moderna - il film




A scuola, al militare, in parrocchia, nella mia città, nella vita di tutti i giorni: sin da piccolo sono sempre stato piuttosto estraneo ai sistemi imposti che mi circondavano e che non sono mai riusciti ad inglobarmi del tutto. Spesso invece intorno a me c'erano individui perfettamente inseriti in questi contesti che prendevano a scatola chiusa tutto il pacchetto senza porre domande semplicemente perché la maggior parte delle persone lo riteneva normalità, dunque implicitamente normali lo erano anche loro.
Su cosa sia la normalità, il giusto o sbagliato ci sarebbe da disquisire a lungo. Sta di fatto che ho sempre percepito che qualcosa stonava alle mie orecchie e ho mantenuto sempre vivo uno spirito critico che mi ha permesso di osservare il contesto con un occhio più esterno, quindi forse più obiettivo. Quello che ho visto nel tempo e man mano che acquisivo quegli "input" di cui necessitavo non mi è piaciuto affatto: l'uomo ha finito per suscitarmi compassione... o pena scegliete voi. A volte pena mi ha fatto anche quello che vedevo nello specchio...
Non è di me che volevo parlare, ma di una visione della realtà, di una grande rivoluzione chiamata verità che ognuno di noi deve ricercare con un percorso personale. L'obiettivo è essere padroni di noi stessi e non schiavi di pochi o di un sistema. L'obiettivo è di ridisegnare il nostro stile di vita per tornare a far parte di questo mondo invece di trattarlo come una fonte inesauribile da sfruttare ed esterna a noi.

Vorrei che vi prendeste 50 minuti del vostro tempo per visionare questo film: Fotografa lucidamente la realtà mondiale, che rispecchia poi perfettamente anche quella della nostra piccola Italia. Mi piacerebbe fosse diffuso e discusso nelle scuole: aiuterebbe a capire meglio chi siamo e dove stiamo andando e a crescere una generazione più consapevole e più libera.




seconda parte

terza parte
quarta parte
quinta parte

Qui potete trovare maggiori informazioni sul film e se volete potete scaricarlo.

mercoledì 15 settembre 2010

Scatti interiori di un'estate

Uno scatto è un quadro già pronto con i colori della vita; il frammento di una poesia che si rivuole contemplare con più calma; un'emozione trattenuta che rivive ancora ad ogni sguardo che vi si posa.
Uno scatto è lo sguardo interiore di un uomo che racconta un mondo fuori ed uno dentro di lui...



Il vecchio ed il giovane
(Cisternino - BR)





Passeggiata sul sole
(Cisternino - BR)






Braccia della terra
(Cisternino - BR)







Il vecchio pescatore
(Vieste - FG)







Raggio di mare
(Vieste - FG)






La casa del tronco
(Vieste - FG)






L'affaccio della natura
(Vieste - FG)







Composizione di spiaggia
(Vieste - FG)







Riposo nel blu
(Peschici - FG)







La mantide del castello
(Castel del Monte - BT)







Gazebo di luce
(Cisternino - BR)







Statica nel mare
(Otranto - LE))







Osservando una vela
(Gallipoli - LE)








La sequenza di un volo
(Gallipoli - LE)






Castello di corda
(Gallipoli - LE)




Su di un piano inclinato
(Matera - MT )







Prime luci del presepe
(Matera - MT)







Raggi di stoffa
(Massa Martana - PG )





Zampilli di paese
(Massa Martana - PG)






Trappola di rugiada
(Massa Martana - PG)






Umana architettura
(
Orvieto - TR)







Sogno di libertà
(Massa Martana - PG)






Di fiore in fiore
(Castelsantangelo sul Nera - MC)






Sosta tra i petali
(Castelsantangelo sul Nera - MC)






L'attesa di un fiore
(Castelsantangelo sul Nera - MC)







Linguacce
(Castelsantangelo sul Nera - MC)






Tre petali al minuto
(Castelsantangelo sul Nera - MC)






Nutrimento
(Castelluccio di Norcia - PG)







La pace dei monti
(Castelluccio di Norcia - PG)






Amore di crine
(Castelluccio di Norcia - PG)








Vampe di nuvole
(Castelsantangelo sul Nera - MC)





Sintesi di una sposa
(Monte San Savino - AR)







La colonna pendente
(Pisa - PI)





P.S.: Questa è la selezione di un itinerario estivo composto da oltre 1.300 fotografie. Molti scatti sono rimasti fuori e forse avrebbero altrettanto meritato. La mia foto preferita "chioccia dell'arte" non è presente per motivi di privacy, ma lo scatto migliore penso sempre sia quello che verrà e che avrò il piacere di raccontarvi...