sabato 16 aprile 2011

Vittorio Arrigoni: un grande uomo

Se pensate che missione di pace voglia dire andare con un fucile, un aereo e bombe che dovrebbero esplodere democrazia... Se chiamate "eroi" soldati morti per perseguire uno stipendio e li avvolgete nel tricolore per sentirvi orgogliosi della Patria e sollevarvi la coscienza... allora non capirete la grandezza della vera pace e di un grande uomo come Vittorio Arrigoni.
Grande uomo e non eroe, perché chiamarlo eroe potrebbe darci l'alibi per non puntare l'indice sulla nostra mediocrità. Perché quello che faceva lo riteneva umano e normale: e siamo noi a non esserlo...
"Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti indipendentemente dalle latitudini, dalle longitudini a una stessa famiglia che è la famiglia umana."
(Vittorio Arrigoni)

1 commento:

  1. Anch'io, nel mio piccolo, gli ho fatto un omaggio con un'intervista alla Morte, in cui anche quest'ultima quasi si vergogna di esserselo portato via...

    http://notiziedelfuturo.blogspot.com/2011/04/la-morte-risponde.html

    RispondiElimina

lascia un commento e per cortesia firmati ;-)